Torna a Eventi FPA

Programma congressuale

Torna alla home

  da 10:00 a 13:30

Strategie intelligenti di investimento a sostegno dell'innovazione digitale per l'invecchiamento attivo e in buona salute [ pl.02 ]

Commissione Speciale Agenda Digitale aperta

Sala: Sala 2

Iscriviti a questo evento

A partire dalle conclusioni sviluppate dal coordinamento tecnico della Commissione speciale Agenda Digitale si svilupperà un confronto su come mettere i cittadini al centro delle strategie per la diffusione dei servizi digitali, presentando alcune buone pratiche e individuando azioni di coordinamento e proposte.

 

Programma dei lavori

Apertura dei lavori

Decaro
Antonio Decaro Sindaco di Bari e Presidente ANCI Biografia

Antonio Decaro è nato a Bari il 17 luglio del 1970. E' sindaco di Bari  e da ottobre 2016  Presidente dell’Anci.

A 25 anni si laurea in ingegneria civile, sezione trasporti. Esercita la libera professione, lavora presso il Politecnico di Bari e a 29 anni diventa vice compartimento dell'Acquedotto Pugliese. 

Nel 2000 è iniziata la collaborazione con l'ANAS, come direttore servizi dei tecnici compartimentali, direttore del centro manutenzione della Provincia di Bari e direttore regionale dell'Ufficio progetti. 

Nel 2004 il Sindaco di Bari Michele Emiliano lo nomina assessore alla mobilità e al traffico del Comune di Bari nella sua prima Giunta, in qualità di tecnico esperto esterno. Nel 2008, grazie ai numerosi interventi realizzati, riceve il premio «Amico della bicicletta» da parte della FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta). Nello stesso anno Legambiente lo premia «Ambientalista dell'anno 2008». 

Nel 2010 è eletto consigliere regionale in Puglia nella circoscrizione di Bari. In Regione ha ricoperto il ruolo di Capogruppo del PD fino ad aprile del 2013 mantenendo l'incarico di consigliere delegato alla mobilità, in forma gratuita. Durante il mandato in Regione è stato il promotore di proposte di legge approvate dal consiglio regionale sul pluralismo informatico e sull'adozione e la diffusione del software libero e sull'attività ricettiva di albergo diffuso. Tra le proposte di legge alle quali ha lavorato c'è l'istituzione dell'anagrafe pubblica degli eletti e sulla trasparenza e l'informazione. 

A novembre 2012 viene approvata in Consiglio regionale la legge «Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica» di cui è il primo firmatario. 

A dicembre 2012 si candida alle "parlamentarie" per il Partito Democratico risultando il primo degli eletti nella componente maschile.

Il 15 marzo 2013, con l'avvio della XVII legislatura, è stato proclamato Deputato della Repubblica italiana. In Parlamento è stato componente dell'intergruppo parlamentare per la mobilità nuova/mobilità ciclistica, e insieme ad altri parlamentari si è impegnato nella scrittura della legge nazionale sulla Mobilità ciclistica. L'11 gennaio 2014, si candida alla carica di primo cittadino di Bari. L'8 giugno 2014, al secondo turno è eletto Sindaco della città di Bari.

Chiudi

Mochi Sismondi
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (20 e 38 anni), sono nonno. All’Università ho scelto  Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento  in  pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out.  Mi sono occupato di marketing , di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 27^ edizione nel 2016. Nella mia ormai ultraventennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 17 Governi (dal penultimo Governo Andreotti al primo Governo Renzi) e con 15 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni.
Nei miei  contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

L'E-health: infrastrutture nazionali, esperienze regionali

Bavaro
Vito Bavaro Sezione Risorse Strumentali e Tecnologiche - Regione Puglia
Ranieri
Gennaro Ranieri Amministratore Unico - InnovaPuglia
Cavallo
Antonietta Cavallo Dirigente - Ragioneria Generale dello Stato

Innovare le politiche (esiti delle sessioni parallele)

Panontin
Paolo Panontin Assessore alla funzione pubblica, autonomie locali, coordinamento delle riforme, caccia e risorse ittiche, delegato alla protezione civile - Regione Friuli Venezia Giulia Biografia

Nato a San Vito al Tagliamento (Pordenone) 6 Gennaio 1963 è laureato in Giurisprudenza.

Dal 1988 Praticante Procuratore Legale. Dal 1991 iscritto al registro dell'Ordine degli avvocati di Pordenone nel cui foro esercita la professione.
 
Dal 21 novembre 1993 al 26 maggio 2002 Sindaco del Comune di Azzano Decimo. Dal 2003 al 2008 Consigliere regionale del FVG e membro dell'Ufficio di Presidenza.
 
Dal 1990 al 1993 Giudice Conciliatore ad Azzano Decimo. Da maggio 1994 a dicembre 1995 membro del Consiglio di Amministrazione del Consorzio interregionale acquedotto del Basso Livenza. Consigliere d'amministrazione della Banca di Credito Cooperativo Pordenonese nel 2001 e poi di nuovo del 2003.
Presidente dal 2002 al 2006 della Casa di riposo IPAB Solidarietà di Azzano Decimo e prima, dal 2001, membro del consiglio di Amministrazione. In questa veste, e prima in quella di Sindaco, ho fondato l'Istituzione pubblica di assistenza e beneficienza, poi divenuta azienda speciale, ho realizzato la sede del distretto sanitario Sud e avviato la casa di riposo. Tra il giugno 2002 e il giugno 2003 sono stato fondatore e amministratore unico della Società Multiservizi Azzanese, società di gestione dei servizi "in house" del Comune di Azzano Decimo e, contemporaneamente, membro del CdA del Mediocredito FVG. A lungo iscritto presso l'Ordine dei giornalisti del FVG. Fondatore della Associazione culturale Progetto Per di Azzano Decimo alla fine degli anni '80. Fondatore e primo presidente dell'Associazione culturale e di promozione sociale Solidarietà ed Innovazione, attiva in Azzano dal 2006. Per alcuni anni dirigente del Tennis Club Azzano, della Pallavolo Azzanese e attuale Presidente della Polisportiva Azzanese.

Chiudi

Tartari
Dimitri Tartari Coordinatore tecnico Commissione Speciale Agenda Digitale - Conferenza delle Regioni Biografia

Laureato in Economia presso l'Università di Modena, ha frequentato un master in economia della rete all'Università Cattolica. Dal 2003 ha lavorato per il Formez e poi per il Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione relativamente ai programmi di e-government. Attualmente si occupa di programmazione informatica presso la Regione.Consulente di politiche pubbliche, esperto nel campo della società dell'informazione. Lavora per la Regione Emilia-Romagna presso l Direzione Sistemi Informativi e Telematica in staff al Direttore Generale. E' membro del gruppo di lavoro che gestisce l'ttuazione dell'Agenda Digitale regionale 2011-2013 (il programma coinvolge tutte le PA regionali 348 comuni, 9 province e la Regione). egue direttamente progetti che si occupano di open source software nella PA, open data, agende digitali locali. Segue l'azione sulle smart cities and communities di Regione Emilia-Romagna coordinando gli sforzi degli EELL e interagendo con aziende e player di mercato. Dal 2009 ha avviato una esperienza amministrativa in un Comune italiano di medie dimensioni della provincia di Bologna.

Chiudi

Tavola rotonda - Le strategie e le politiche

Casciello
Massimo Casciello Direttore Generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della statistica - Ministero della Salute Biografia
Massimo Casciello è laureato in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Malattie Infettive e corsi di perfezionamento in Ematologia. Ricopre oggi il ruolo di Direttore Generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della statistica presso il Ministero della Salute. Sempre presso il Ministero, nel 2000 ha ricoperto il ruolo di responsabile dell’ufficio ricerche della Direzione Generale della ricerca scientifica e tecnologia, e successivamente il ruolo di Direttore Generale della ricerca sanitaria e biomedica e vigilanza sugli enti.

 

Chiudi

Decaro
Antonio Decaro Sindaco di Bari e Presidente ANCI Biografia

Antonio Decaro è nato a Bari il 17 luglio del 1970. E' sindaco di Bari  e da ottobre 2016  Presidente dell’Anci.

A 25 anni si laurea in ingegneria civile, sezione trasporti. Esercita la libera professione, lavora presso il Politecnico di Bari e a 29 anni diventa vice compartimento dell'Acquedotto Pugliese. 

Nel 2000 è iniziata la collaborazione con l'ANAS, come direttore servizi dei tecnici compartimentali, direttore del centro manutenzione della Provincia di Bari e direttore regionale dell'Ufficio progetti. 

Nel 2004 il Sindaco di Bari Michele Emiliano lo nomina assessore alla mobilità e al traffico del Comune di Bari nella sua prima Giunta, in qualità di tecnico esperto esterno. Nel 2008, grazie ai numerosi interventi realizzati, riceve il premio «Amico della bicicletta» da parte della FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta). Nello stesso anno Legambiente lo premia «Ambientalista dell'anno 2008». 

Nel 2010 è eletto consigliere regionale in Puglia nella circoscrizione di Bari. In Regione ha ricoperto il ruolo di Capogruppo del PD fino ad aprile del 2013 mantenendo l'incarico di consigliere delegato alla mobilità, in forma gratuita. Durante il mandato in Regione è stato il promotore di proposte di legge approvate dal consiglio regionale sul pluralismo informatico e sull'adozione e la diffusione del software libero e sull'attività ricettiva di albergo diffuso. Tra le proposte di legge alle quali ha lavorato c'è l'istituzione dell'anagrafe pubblica degli eletti e sulla trasparenza e l'informazione. 

A novembre 2012 viene approvata in Consiglio regionale la legge «Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica» di cui è il primo firmatario. 

A dicembre 2012 si candida alle "parlamentarie" per il Partito Democratico risultando il primo degli eletti nella componente maschile.

Il 15 marzo 2013, con l'avvio della XVII legislatura, è stato proclamato Deputato della Repubblica italiana. In Parlamento è stato componente dell'intergruppo parlamentare per la mobilità nuova/mobilità ciclistica, e insieme ad altri parlamentari si è impegnato nella scrittura della legge nazionale sulla Mobilità ciclistica. L'11 gennaio 2014, si candida alla carica di primo cittadino di Bari. L'8 giugno 2014, al secondo turno è eletto Sindaco della città di Bari.

Chiudi

Fresca Fantoni
Clara Fresca Fantoni Presidente - Assinter
Monaco
Riccardo Monaco * Autorità di Gestione del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020 Biografia

riccardo.monaco@agenziacoesione.gov.it

Chiudi

Panontin
Paolo Panontin Assessore alla funzione pubblica, autonomie locali, coordinamento delle riforme, caccia e risorse ittiche, delegato alla protezione civile - Regione Friuli Venezia Giulia Biografia

Nato a San Vito al Tagliamento (Pordenone) 6 Gennaio 1963 è laureato in Giurisprudenza.

Dal 1988 Praticante Procuratore Legale. Dal 1991 iscritto al registro dell'Ordine degli avvocati di Pordenone nel cui foro esercita la professione.
 
Dal 21 novembre 1993 al 26 maggio 2002 Sindaco del Comune di Azzano Decimo. Dal 2003 al 2008 Consigliere regionale del FVG e membro dell'Ufficio di Presidenza.
 
Dal 1990 al 1993 Giudice Conciliatore ad Azzano Decimo. Da maggio 1994 a dicembre 1995 membro del Consiglio di Amministrazione del Consorzio interregionale acquedotto del Basso Livenza. Consigliere d'amministrazione della Banca di Credito Cooperativo Pordenonese nel 2001 e poi di nuovo del 2003.
Presidente dal 2002 al 2006 della Casa di riposo IPAB Solidarietà di Azzano Decimo e prima, dal 2001, membro del consiglio di Amministrazione. In questa veste, e prima in quella di Sindaco, ho fondato l'Istituzione pubblica di assistenza e beneficienza, poi divenuta azienda speciale, ho realizzato la sede del distretto sanitario Sud e avviato la casa di riposo. Tra il giugno 2002 e il giugno 2003 sono stato fondatore e amministratore unico della Società Multiservizi Azzanese, società di gestione dei servizi "in house" del Comune di Azzano Decimo e, contemporaneamente, membro del CdA del Mediocredito FVG. A lungo iscritto presso l'Ordine dei giornalisti del FVG. Fondatore della Associazione culturale Progetto Per di Azzano Decimo alla fine degli anni '80. Fondatore e primo presidente dell'Associazione culturale e di promozione sociale Solidarietà ed Innovazione, attiva in Azzano dal 2006. Per alcuni anni dirigente del Tennis Club Azzano, della Pallavolo Azzanese e attuale Presidente della Polisportiva Azzanese.

Chiudi

Samaritani
Antonio Samaritani Direttore Generale - Agenzia per l'Italia Digitale
Capone
Loredana Capone Assessore allo Sviluppo economico, competitività, attività economiche e consumatori, Energia, Reti ed Infrastrutture materiali per lo sviluppo, Ricerca Industriale e Innovazione - Regione Puglia Biografia

Nata a Lecce il 14 Febbraio 1964, è sposata con l'ing. Massimo Romano e mamma di quattro figlie.
Attuale Vicepresidente della Giunta Regionale della Puglia.
Laureata in Giurisprudenza con il massimo dei voti, apre lo studio legale come avvocato amministrativista.
Nel 1992 riceve la “Toga d’Onore”, e nel 1994 la nomina  a Magistrato Onorario.
Nel 1995 è nominata “assessore tecnico” al Comune di Lecce con delega all’Ambiente e nel 1996 con delega all’Urbanistica.
Nel 1997 entra a far parte del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Lecce.
Nel 1998 è eletta segretario provinciale del Partito Popolare Italiano e,nel 1999, Consigliere Nazionale.
Nel 2000 diviene Assessore provinciale e nel 2004 viene eletta Consigliera provinciale nel collegio Lecce-centro che non aveva mai espresso
consigliere e viene nominata vicepresidente della Provincia di Lecce.
A luglio 2009, il Governatore della Regione Puglia Nichi Vendola la nomina vicepresidente e assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia.
Eletta nel 2010 Consigliera regionale (una delle tre donne su 70 consiglieri) viene confermata nel ruolo di vicepresidente della Regione Puglia e assessore allo Sviluppo Economico.

Chiudi

Cerimonia di premiazione

Premiazione #PugliaPremiaSalute

Conclusioni

Emiliano
Michele Emiliano Presidente - Regione Puglia Biografia

Michele Emiliano è nato a Bari il 23 luglio 1959, ha tre figli, Giovanni, Francesca e Pietro. E' magistrato in aspettativa, è stato sostituto procuratore della Repubblica presso la Direzione distrettuale antimafia di Bari e, precedentemente, presso il tribunale di Brindisi e di Agrigento.

Nelle sue funzioni di pubblico ministero ha istruito alcuni tra i più importanti processi alle mafie pugliesi. E' stato sindaco di Bari per dieci anni, dal 2004 al 2014, per la coalizione di centrosinistra. E' segretario regionale del Partito Democratico dal febbraio 2014, ruolo che ha ricoperto anche dall'ottobre 2007 al 2009. Nel giugno 2014 è stato nominato assessore alla Legalità e Polizia municipale nel Comune di San Severo, a titolo gratuito.

Emiliano è stato eletto presidente della Regione Puglia il 31 maggio 2015

Chiudi

Lorenzin
Beatrice Lorenzin * Ministro della Salute Biografia

Nasce a Roma nel 1971. Si avvicina alla politica aderendo al movimento giovanile di Forza Italia nel Lazio nel 1996.

Intraprende la carriera politica nell'ottobre 1997con l’elezione, nella lista di Forza Italia, al Consiglio del XIII Municipio di Roma.

Nell'aprile 1999 è Coordinatore Regionale del Lazio del movimento giovanile di Forza Italia, che conta 15 000 iscritti e oltre 100 eletti negli enti locali. Nel maggio 2001 è eletta Consigliere comunale di Roma. Unica donna nella coalizione di centrodestra, è Vicepresidente della commissione Donne Elette e Vicepresidente del Gruppo consiliare di Forza Italia.

Tra la fine del 2004 e la metà del 2006 è Capo della Segreteria Tecnica di Paolo Bonaiuti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri per l’informazione e l’editoria nel governo Berlusconi III. Nel maggio del 2005 è nominata Coordinatore Regionale di Forza Italia per il Lazio.

Dal settembre 2006 al marzo 2008 ha ricoperto il ruolo di coordinatore nazionale di Forza Italia - Giovani per la Libertà.

Eletta alla Camera dei Deputati nelle elezioni politiche del 2008 nella lista PdL, per la XVI Legislatura. Membro del Consiglio Direttivo del gruppo PdL alla Camera e della commissione Affari Costituzionali della Camera, della Commissione Bicamerale per l'Attuazione del Federalismo Fiscale, della Commissione Parlamentare per l'Infanzia.

Nel 2013 è inizialmente proposta come candidata alla presidenza della Regione Lazio, ma, in seguito, lascia il posto a Francesco Storace, già presidente della regione Lazio dal 2000 al 2005. Alle elezioni politiche del 2013 viene riconfermata allaCamera dei Deputati nelle liste del PdL.

Il 16 novembre 2013, contestualmente alla sospensione delle attività del Popolo della Libertà e al rilancio di Forza Italia, aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano.

Nell'aprile 2014 viene scelta come candidato, alle Elezioni Europee del 2014 come capolista del Nuovo Centrodestra-Unione di Centro nella Circoscrizione Italia centrale

Dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 ha ricoperto l'incarico di Ministro della Salute  nel governo Letta. Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del Pdl presenta dimissioni "irrevocabili" che successivamente vengono respinte dal presidente del consiglio Enrico Letta. Durante il primo incarico è stata al centro di ampio dibattito sul cosiddetto metodo "Stamina".

Il 22 febbraio 2014 viene riconfermata dal nuovo premier Matteo Renzi alla guida del dicastero.

Chiudi

Networking Lunch

* In attesa di conferma

Torna alla home